Blog

Carciofi alla matticella

Quest’antico modo di cucinare i carciofi nasce dai contadini veliterni.
I quali durante il periodo primaverile cuocevano i carciofi su una brace di fascine di vite chiamate appunto matticelle, ricavate durante la loro potatura.
È assolutamente sconsigliato cuocere i “carciofi alla matticella” in un luogo chiuso o in un camino, poiché la brace ha bisogno di ventilazione naturale che contribuisce sia a cuocere i carciofi che a conferire a questo piatto il suo tipico aroma. Gli amanti di questa specialità preferiscono il modo tradizionale di allestire il letto di fuoco, cioè direttamente a terra, magari con il vento di ponente che tiene viva la brace.


Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cotture: 60/80 minuti

Ingredienti:

  • Carciofi Romanesco
  • Olio extravergine d’oliva
  • Mentuccia
  • Sale

Istruzioni per la brace:

Utilizzate 3 matticelle iniziali per formare il fuoco e dopo qualche minuto ponete un ulteriore matticella per ogni 5 carciofi in modo da ottenere una brace dove si possono infilare i carciofi per circa 1/3 del loro volume.

Istruzioni per la preparazione del carciofo:

  1. Tagliate il gambo dei carciofi fino alla sua estremità.
  2. Battete i carciofi a testa in giù su un piano rigido per allentarne le brattee in modo da farle aprire leggermente mostrando il cuore del carciofo
  3. Riempite i carciofi con la mentuccia, aglio tagliato a dadini, sale e versate abbondante olio di oliva al suo interno.
  4. Ponete i carciofi con cura nella brace, pressando e imprimendo loro una rotazione finché possano adagiarsi più a fondo.
    Un consiglio prima di eseguire questa operazione vi suggerisco di aver a portata di mano un secchio d’acqua dove poter bagnare e raffreddare le mani.
  5. Lasciate cuocere per circa 60/80 minuti fino a che il carciofo abbia assunto una colorazione scura quasi sul nero sia all’esterno che all’interno.